E-commerce dell’ arredo: tendenze future

L’Industria del Design ha investito nel digitale ottenendo ottimi risultati:
Tecnologia, Crm e gestione dei dati, comunicazione e social.
Nell’e-commerce arredo le imprese italiane sono deficitarie.
Strategie di Impresa ha presentato il quarto summit dedicato al tema ed organizzato con Interni Magazine e Federlegno Arredo.
La ricerca, illustrata durante il convegno è stata effettuata su un panel di 28 aziende leader, per un fatturato complessivo di 2,9 miliardi di euro (valore medio pari a 104 milioni).
Il giro d’affari di questo campione è quasi totalmente generato dalle vendite offline: il 56% deriva dalla clientela all’ ingrosso, il 30% dal contract e il 14% dai negozi monomarca.

L’e-commerce dell’ arredo riesce a generare appena lo 0,4% e su 28 aziende considerate, soltanto due aziende hanno un sito dedicato.
Il digitale ha consentito un contatto diretto tra brand e consumatore, togliendo peso agli intermediari e aprendo un canale diretto tra aziende e clienti.
Questo sottolinea come non si possa più parlare di nicchia quando ci si riferisce all’ e-commerce di arredo e al target di consumatore che accede ad internet attraverso pc o smartphone.

e commerce arredo

L’impatto della rivoluzione digitale ha riguardato tutte le aree di operatività aziendale: produzione, comunicazione, vendite.
La ricerca però evidenzia che l’incidenza delle azioni messe in atto è stata molto elevata in ambito produttivo.
Il 78% del campione sostiene di aver adottato tecniche di automazione industriale; nella comunicazione, l’investimento nell’ambito digitale è salito dal 3 al 22% della spesa complessiva, ed in prevalenza a spesa del cartaceo.

Quanto all’e-commerce di arredo, soltanto il 7% del campione allargato (5 aziende su 70) ha creato un sito dedicato.
Il 18% ha collegato i negozi a una piattaforma online propria o gestita da terzi.
“Il limite principale delle aziende è la paura di entrare in concorrenza con i negozi, ma la realtà ci dice che il mondo va avanti lo stesso”.
Rappresentativo e’ il case history di Wayfair, arrivato a 4,7 miliardi di dollari di ricavi nel 2017, tutti generati dal digitale.
Negli Usa, il giro d’affari degli e-commerce di arredo è di 33 miliardi di euro.

Nella rivoluzione digitale gli italiani, primi player mondiali a livello qualitativo, sono all’avanguardia nell’innovazione produttiva e hanno saputo bene adattarsi  in termini di comunicazione.
Appaiono invece in grave ritardo dal punto di vista commerciale digitale

Il summit 2018 è stato il primo organizzato in partnership con Interni, rivista del gruppo Mondadori specializzata nel design, dopo tre anni di collaborazione con Elle Decor.

All’interno di questo si evidenzia come tutte le attività organizzate dal team di Interni, dalle mostre in Cina fino agli allestimenti durante il Salone del Mobile avvengano sempre più nell’ottica di un approccio multicanale.
Proprio ad Interni si deve la nascita del Fuorisalone e il coinvolgimento della città di Milano nelle attività legate all’arredo durante la settimana del design.

e commerce arredo

Facebook
LinkedIn
Twitter
Email